Storia della Cucina Italiana Ristoranti Abruzzo Un po' di storia

Abruzzo Abruzzo

Abruzzo

Un po' di storia


Nel 300 a.C. l'Abruzzo entrò a far parte dei territori romani.
Assorbito dai Longobardi nel ducato di Spoleto ed eretto nell'843 in contado autonomo col nome di Marsia, l'Abruzzo fu concesso in feudo dal papa Adriano IV al re di Sicilia Guglielmo I e da allora la regione venne indicata con la vaga espressione «in finibus Aprutii». Restio al dominio normanno, l'Abruzzo si schierò con gli Svevi, per dividersi poi durante le lotte tra Federico II e la Chiesa: l'episodio conclusivo e riassuntivo di questa partecipazione è la fondazione della città dell'Aquila avvenuta nel 1254 come punto di difesa contro i feudatari imperiali. La scissione intestina continua e divide il paese anche nei secoli seguenti: ne approfittarono durazzeschi, ungheresi, angioini, aragonesi, pontifici che devastarono la regione in preda alle fazioni e al banditismo. Sotto il dominio spagnolo, l'Abruzzo sofferse dell'impoverimento generale che indusse il popolo a prendere viva parte alla rivolta di Masaniello (1647). Ai primi del Settecento, mentre Austriaci e Spagnoli si disputavano il possesso del regno, l'Abruzzo venne funestato da terribili terremoti. Dopo una breve parentesi austriaca passò (1738) sotto i Borboni. Nel 1821, 1841 e 1848, moti insurrezionali ebbero il loro centro in Abruzzo, fino a che nel 1860 esso fu congiunto anche politicamente al resto d'Italia. Negli anni successivi vi allignò il brigantaggio, un fenomeno molto sentito e temuto che però ebbe anche aspetti positivi: tra i briganti veri e propri vi erano infatti anche uomini sinceramente convinti di difendere, col regime borbonico, la causa della giustizia.


Villa Belfiore Hotel Ristorante Ostellato Ferrara
Hotel Mediterraneo Santa Maria Navarrese Sardegna
Le Residenze di Sant Elmo Costa Rei Castiadas Muravera
Residence Lido Azzurro Capoliveri
Hotel Astoria Lago Maggiore

 

Bormio Hotel Residence
Lago di Garda Hotel Residence