Puglia

Premessa


╚ la regione dell'Italia meridionale che si allunga per circa trecentoquaranta chilometri da nord-ovest a sud-est fra i mari Adriatico e Ionio, confinante a ovest con la Basilicata, la Campania e il Molise.
Si distingue nelle seguenti zone geografiche: il Tavoliere, le Murge e la penisola Salentina; entro il limite settentrionale Ŕ compreso anche l'Appennino (Subappennino) che riproduce i caratteri orografici del vicino Molise.
Una terra in gran parte carsica nella quale difettano i corsi d'acqua e sono invece presenti le caratteristiche idrografiche proprie dei paesi carsici: falde freatiche molto profonde, vaste conche o doline (i puli), caverne e grotte lungo qualche tratto delle coste, profonde voragini che assorbono rapidamente le acque piovane, alimentando nel sottosuolo una complessa rete idrografica.
Solo nel Tavoliere, che non Ŕ di natura carsica, scorrono alcuni fiumi in gran parte provenienti dall'Appennino.
Alla scarsezza d'acqua si Ŕ cercato di far fronte con la costruzione dell'acquedotto pugliese, alimentato dal Sele.
Caratteristica importante della Puglia Ŕ il largo contatto con il mare cui per˛ non corrisponde la frequenza dei porti, meno che nel Gargano del sud-est, nel litoraneo otrantino e nelle Murge prospicienti il mare, ove gli sbocchi dei numerosi avvallamenti (lame) hanno potuto spezzare la serie di dune litoranee: basti pensare alle penisole Garganica (Manfredonia) e Salentina (Taranto e Brindisi), ai pressi di qualche isola (Gallipoli) e allo sbocco di avvallamenti (Otranto).
Caratteristici di questa regione sono i trulli, abitazioni di derivazione protostorica, composti da un basamento per lo pi¨ cilindrico e di una cupola conica realizzata con anelli concentrici di pietre gradualmente sporgenti. Il materiale costruttivo Ŕ composto da schegge di calcare sovrapposte a secco. Le pareti imbiancate contrastano con il colore scuro della cupola, coronata in punta da una sfera o da un altro motivo ornamentale. Internamente i trulli presentano un vano principale suddiviso in pi¨ ambienti. I principali agglomerati di trulli si trovano ad Alberobello, Locorotondo, Putignano e Martina Franca.
Il clima della Puglia Ŕ temperato caldo e consente colture arboree fra le quali prevale l'ulivo, ma sono importanti anche i vigneti, i mandorleti e gli aranceti. Tra le piante erbacee il grano occupa il primo posto (specie nel Tavoliere): seguono l'avena, l'orzo e gli ortaggi che sono molto presenti in vario modo nell'alimentazione della gente di questa terra.