Cucina cucina

Curiosità e prodotti tipici Curiosità e prodotti tipici

Faraona


Gli animali da cortile sono allevati ancora oggi ruspanti in molte case della campagna maremmana: oltre ai polli e alle galline, si allevano oche, tacchini e faraone. La faraona, quando non è di allevamento, ha un gusto pieno che ricorda il fagiano o, per meglio dire, la più delicata fagianella; in questo caso deve essere frollata tre o quattro giorni.
La faraona nei tempi più antichi era chiamata "gallina di faraone o di Numidia" perché di origine africana e più in particolare egiziana. Nelle foreste dell'Africa vivevano molte specie selvatiche rese domestiche dai greci e dai romani. Si estinse nel I secolo dopo Cristo per ricomparire nel XV secolo, riportata in Europa dai navigatori portoghesi che la trovarono nel Golfo di Guinea.
In Toscana l'uso della faraona è diffuso oltre che in Maremma, nel Senese e anche a Firenze: si cucina in vari modi, ma quello preferito è con un ripieno di castagne, funghi e tartufo, un piatto veramente "regale"...
Kreativ Hotel Landhaus Schweigl Val D Ultimo Trentino-Alto Adige
Hotel St Michael - Livigno
Hotel Terme Antoniano - Montegrotto Terme - Padova
Hotel La Nuova Montanina Auronzo di Cadore Dolomiti
Club Hotel Costa Verde

 

Lago di Garda Hotel Residence
Hotel Sardegna