Cucina cucina

Curiosità e prodotti tipici Curiosità e prodotti tipici

Cieche


MAREMMA SETTENTRIONALE

Le cieche, chiamate in dialetto cee sono gli avannotti delle anguille che dal mare tentano di risalire i fiumi. Si pescano quindi alle foci dei fiumi, di notte, nei mesi invernali (per lo più da dicembre a febbraio) con una rete detta "ripaiola" o "cerchiaia".
Dal 1984 la pesca delle cieche è vietata in Toscana e dal 1987 in tutta Italia. Quelle che si trovano oggi sul mercato dovrebbero essere tutte di allevamento, provenienti dalla Francia e dalla Spagna. Ma i buongustai affermano che quelle locali sono molto più buone: il che fa sospettare che la pesca di frodo delle cieche sia ancora praticata. Poiché l'anguilla vive in acque dolci ma partorisce e muore in mare, e poiché muore dopo aver deposto le uova, pare che le cieche attraversino il mare per risalire i fiumi dai quali vennero le mamme anguille. In cucina (ricordiamo con raccapriccio che devono essere cucinate vive) offrono un piatto pregiatissimo, derivante da una preparazione tanto semplice quanto gustosa e ricercata.
Cavallino Lovely Hotel Andalo Dolomiti Paganella
Continental Hotel Terme Montegrotto Terme
Fonte de Medici Montefiridolfi San Casciano Chianti
Le Residenze di Sant Elmo Costa Rei Castiadas Muravera
Hotel Compagnoni Santa Caterina Valfurva  Valtellina

 

Hotel Sardegna
Livigno Hotel Residence