Eventi - Mostre - Fiere

Sopraffactions Matera - Voi vedete ci˛ che gli altri non vedono: l’arte raccontata dal pubblico

Matera (MT) - 8 dic 2012 / 6 gen 2013

Ex Ospedale di San Rocco

Sopraffactions nasce dall’idea che Ŕ possibile mettere in discussione la “sacralitÓ” dell’opera d’arte, intesa come entitÓ inviolabile e si concreta grazie alla disponibilitÓ e alla volontÓ di artisti, di estrazione geografica e culturale diversa, di mettersi a loro volta in discussione per condividere e sviluppare un singolare progetto di lavoro: la realizzazione di opere attraverso veri e propri interventi di sopraffazione. Il progetto parte nel 2009 per iniziativa di Giuseppe Salerno e tre artisti, Luigi Ballarin, Gerardo Di Salvatore e Lughia che, per un’esposizione romana, produssero ciascuno quattro opere le quali, divenute oggetto di scambio fra gli stessi artisti, furono la base per la realizzazione di lavori a firma del secondo artista. L’esperienza, viene replicata a Fabriano, Cosenza, Salerno e Viterbo coinvolgendo, di volta in volta, tre artisti diversi, originari della regione ospite, incrementando, in maniera esponenziale, il numero delle opere esposte; in questa edizione sono coinvolti gli artisti lucani Dario Carmentano, ElleplusElle e Pino Lauria. Pertanto, la mostra, allestita negli ambienti dell’ex Ospedale di San Rocco in Matera, presenta oggi 18 artisti con 72 opere. L’esposizione sarÓ occasione per la conduzione, a cura di Antonio Rosa e Stefania Ugatti, della 3^ edizione della sperimentazione Voi vedete ci˛ che gli altri non vedono: l’arte raccontata dal pubblico. Il progetto nasce dall’esigenza di sperimentare tecniche comunicative che favoriscano un nuovo e pi¨ coinvolgente approccio del pubblico all’arte e all’architettura contemporanea e, in generale, ai fenomeni culturali, attraverso l’attivazione di momenti di incontro estemporanei; spazi in cui condividere l’esperienza della visita, comunicare e confrontare valutazioni e osservazioni, emozioni e visioni suscitate dalle opere in esposizione per trarne ulteriori opportunitÓ di arricchimento e di crescita. L’iniziativa proposta a Matera Ŕ il risultato di una collaborazione tra la Soprintendenza per i beni architettonici e paesaggistici della Basilicata e quella campana delle province di Salerno e Avellino, promotrice delle precedenti edizioni. I due Istituti hanno deciso di condividere le motivazioni e le finalitÓ del progetto con l’introduzione di un elemento innovativo: il coinvolgimento e la partecipazione attiva nella conduzione della sperimentazione del Liceo Artistico “Carlo Levi” di Matera. L’iniziativa, curata da Francesco Canestrini e Giuseppe Salerno, Ŕ promossa dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici della Basilicata e realizzata in collaborazione con la Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici di Salerno e Avellino e la partecipazione del Liceo Artistico “Carlo Levi” di Matera.

Fonte: Beni Culturali





0