Matera

Hotels Matera
- Ristoranti - Prodotti Tipici -
Le chiese rupestri - Le cave di tufo - La particolare natura e conformazione del suolo e dell'altopiano murgico materano favorý l'espandersi, in epoca che va dall'VIII al XIII sec. d.C., di quell'intenso movimento monastico che nelle antiche case/grotte trov˛ le condizioni ideali per formare cenobi e chiese rupestri secondo schemi dei paesi d'origine. In agro di Matera se ne contano oltre 130, alcune esclusivamente ipogee, altre con la parte scavata integrata con una costruzione all'esterno, a testimonianza di civiltÓ monastiche e greco/bizantine che in Matera segnarono un importante punto di confluenza.
Molti di questi ipogei conservano ancora oggi affreschi di grande pregio artistico (Madonna della Croce - Cripta del Peccato Originale - Santa Lucia alle Malve - San Nicola dei Greci - Santa Maria della Valle - Santa Barbara ecc.). Partendo proprio da S. Maria della Valle, sulla SS. 7 Appia, e proseguendo in direzione Laterza, si ha modo di osservare, sulla destra, alcune grandi cave di tufo dall'aspetto quantomeno singolare, che testimoniano la fatica e il sudore degli antichi cavamonti impegnati ad estrarre la materia prima (il tufo) per l'espansione della cittÓ sul piano.

La Cattedrale - Maestoso monumento del 1270 in stile romanico-pugliese, domina gli antichi rioni e la parte medioevale e moderna della cittÓ. L'esterno, armonioso e sobrio nella sua elegante architettura, presenta sulla facciata un grande rosone simboleggiante la ruota della vita e, sul fianco destro, due portali riccamente decorati. L'interno, a tre navate, conserva l'affresco della Madonna della Bruna del XIII sec., un bel coro ligneo del 1453 ed un presepe in pietra del 1534, opera di Altobello Persio.

Foto e testi gentilmente concessi da: Apt Basilicata