Calabria

Artigianato

Hotels Calabria
- Ristoranti - Prodotti Tipici - Servizi - Tempo Libero -
L'artigianato calabrese affonda le sue radici nelle arcaiche tradizioni della civiltà mediterranea e, soprattutto in quella della Magna Grecia da cui direttamente discende. La dinamica produttiva non ha stancamente subito interruzioni, tanto da segnare, oggi, un momento di continuità anzichè di produzione, in quasi tutta la vasta gamma delle sue espressioni. Anche sotto l'aspetto tecnologico non vi sono stati profondi mutamenti, gli strumenti sono sempre quelli di duemila anni fa: dal telaio a mano al coltellino, dallo scalpello al tornio a ruota manovrato col piede. Il popolo calabrese ha conservato nei secoli le proprie tradizioni ed il gusto per le cose semplici e genuine; questi sentimenti hanno originato tutto il mondo emotivo che si riflette e si completa nell'osservazione diretta della natura circostante. Se poi, a questi fatti si aggiungono gli elementi più tipici della cultura popolare calabrese, che ricorre sovente ad arcaici simbolismi, a forme apotropaiche, al senso cosmogonico delle ansie creative, alle ritualità magiche, ne scaturisce una sommatoria di emozioni che rendono ingenue e dense di originalità positiva le figurazioni e solidificano l'identità fra arte popolare ed artigianato. E la validità di questa identificazione appare più sostanziale in Calabria che in altre regioni d'Italia. La caratterizzazione tipologica dell'artigianato calabrese è piuttosto varia, si giustifica e si motiva con la realtà storico-geografica della regione stessa. La peninsularità e l'esasperata articolazione orografica hanno impedito l'unitanetà nel tessuto connettivo della società calabrese, originando l'esistenza di numerose cellule geomorfologiche. Nei periodi invernali, allorchè le "fiumare"- unico tramite per l'interno - erano impraticabili per le piene, il persistere di centri medievali collinari, vicinissimi e pur lontani fra di loro per la precarietà dei collegamenti, costringevano le comunità all'autosufficienza produttiva. Si giustifica così il consolidarsi nel tempo della tradizione artigiana, il cui stimolo veniva appunto originato da necessità esistenziali.