Italia a Cavallo

Discipline Olimpiche

Gli sport equestri sono rappresentati ai Giochi Olimpici da tre discipline
  • Salto Ostacoli
  • Concorso Completo
  • Dressage
Salto Ostacoli

I concorrenti affrontano, in un campo di gara, un percorso composto da differenti ostacoli (mediamente 10-12) che devono essere superati senza errori. Al cavallo Ŕ richiesta potenza, precisione, velocitÓ e la piena rispondenza alle azioni del cavaliere. Ogni qual volta si commette un errore (abbattimento di un ostacolo, rifiuto, superamento del tempo massimo, deviazione dal percorso, disobbedienza, caduta di cavallo e cavaliere, assistenza non autorizzata) il binomio incorre in penalitÓ. Le prove sono suddivise in categorie, e a seconda del tipo di categoria vince chi commette il minor numero di penalitÓ, o completa il percorso nel tempo pi¨ veloce, o acquisisce il maggior numero di punti.
Numerosi sono i tipi di categorie: di precisione (il tempo impiegato a compiere il percorso non Ŕ determinante ai fini della classifica), a tempo (la velocitÓ Ŕ determinante ai fini della classifica), a barrages (i cavalieri sono giudicati sia in base alle penalitÓ commesse che al tempo impiegato), la potenza (un massimo di quattro barrage con gli ostacoli che vengono alzati in successione), a punti, a difficoltÓ progressive e a staffetta.


Concorso Completo

Prova, in pi¨ fasi, di resistenza e versatilitÓ. Il primo giorno viene eseguita una ripresa di dressage di medie difficoltÓ. Il secondo giorno la prova di fondo, una prova di velocitÓ e di resistenza spettacolare. Il terzo giorno una prova di salto ostacoli.
La classifica finale Ŕ data dalla somma delle penalitÓ accumulate nelle tre prove. Vince il cavaliere con il minor numero di penalitÓ. In caso di paritÓ classifica il miglior punteggio della prova di fondo.


Dressage

Gara in cui il cavallo esegue esercizi particolari in sintonia con il proprio cavaliere, e comprendono armonia di movimenti, equilibrio e abilitÓ. In un rettangolo (m 20 x 60) perfettamente piatto e delimitato sui lati da lettere di riferimento, il binomio Ŕ chiamato ad eseguire una "ripresa" di prestabiliti movimenti in successione che vengono valutati da una Giuria di cinque elementi.