Montebello

Hotels Montebello
- Ristoranti - Prodotti Tipici - Servizi -
Il suo ben articolato sistema difensivo mostra frequenti gli interventi dei Malatesta che la tennero, con alterne vicende, dal 1197 al 1463 quando Sigismondo Pandolfo perde la guerra contro il Papa Pio II (Enea Silvio Piccolomini). E con la guerra, Sigismondo perde anche il dominio dei suoi numerosi e ricchi feudi, ivi compreso il Castello di Montebello sul confine della giurisdizione riminese. Il 1 giugno 1464 con solenne Bolla pontificia Pio II infeuda Montebello alla Famiglia Guidi Di Bagno nella persona del Conte Giovan Francesco Guidi. Da allora i Guidi Di Bagno (che nel 1554 ottengono il titolo di Marchesi di Montebello) sono i Signori i del Castello ed oggi, dopo le vicende napoleoniche, ne sono i legittimi proprietari. Oggi la Rocca Ŕ un monumento nazionale aperto al pubblico negli orari stabiliti, con visite guidate. Il suo interno Ŕ un libro di storia ricco di memorie e di testimonianze autentiche e la visita riserva molte sorprese a cominciare dagli splendidi, preziosi arredi di varie epoche e stili, alle raccolte archeologiche di peculiare valore, ai giardini su roccia, al parco secolare, alla deliziosa Enoteca-Ristorante "Armeria dell'Albana", prestigioso luogo di ristoro immerso in un ambiente incantato, alla leggenda dolcissima di Azzurrina, che aleggia leggera nei cunicoli in ombra.