Roma

Hotels Roma
- Ristoranti - Servizi -
I Fori Imperiali
Il legame tra mondo mitico-religioso e il potere imperiale è fondamentale per capire il nuovo valore che il foro riveste: la divinità che viene prescelta come protettrice del proprio foro assume svariate sfumature politico- religiose, la decorazione è realizzata facendo attenzione ad oggetti (dagli scudi, alle aquile) che si caricano di un simbolismo politicizzante, nelle statue decorative che si alternano lungo i bracci dei porticati bisogna scorgere i summi viri della propria gens (antenati illustri di famiglia) a cui l'imperatore si richiama e in nome dei quali legittima il suo ruolo nel passato e nel presente.
Il mito viene riletto in chiave mitistorica, l'imperatore diventa la divinizzazione del vero homo romanus (uomo romano); egli si fa garante della virtus (valore), dell'auctoritas (rispetto), della dignitas (onore) e di tutte quelle virtù di cui Cicerone parlava a proposito del perfetto uomo politico. È solo in questa rifunzionalizzazione dell'antico, che altro non fu se non una lucida trovata politica, che si comprende come e perché l'impero, nonostante le crisi e i malcontenti, riuscì a sopravvivere fino al fatidico 476 d.C, l'anno del crollo dell'Impero Romano d'Occidente.

© Dott.ssa Myriam Di Mare laureata in Archeologia, Etruscologia e Antichità Italiche



Numerose sono le tipologie di strutture che caratterizzano Roma