Bormio

Clima e Ambiente

Hotels Bormio
- Ristoranti - Prodotti Tipici - Servizi -
Clima e Ambiente - La conca di Bormio è ampia e luminosa; scavata nei secoli dai ghiacciai e dai corsi d'acqua e in parte colmata dalle alluvioni, è circondata da monti che verso nord formano una barriera di calcare e dolomia la cui cima principale è la Reit (3075 m.). Vi confluiscono tre valli: la Valdidentro, la Valdisotto e la Valfurva. La regione gode di un clima particolarmente favorevole, nonostante l'altitudine e la collocazione a settentrione che in alcune zone è già transalpina. Si può evidenziare anzitutto la secchezza eccezionale dell'aria e la sua trasparenza. Prolungata è l'esposizione al sole. Le giornate con cielo coperto sono scarse: a Bormio, mediamente, 63 all'anno. La temperatura massima difficilmente supera i 28°, quella minima di -14°. Le precipitazioni nevose sono abbondanti; la particolare esposizione a nord di alcuni versanti delle zone sciistiche assicura la permanenza del manto nevoso sino a primavera inoltrata. Il Bormiese è per gran parte entro i confini del Parco Nazionale dello Stelvio, una delle più vaste aree protette d'Europa. La caratteristica principale della copertura vegetale è data dalla presenza di numerosi boschi molto interessanti per estensione e contenuto floristico. Anche il sottobosco presenta una flora di grande pregio tra la quale spicca, abbondante, il fungo porcino. Straordinaria la presenza di fiori con 1800 specie. Nella conca di Bormio si incontrano inaspettate zone con microclima particolarmente favorevole, contrassegnato dalla presenza di vegetazione termofila. la regione offre un habitat ideale per la tipica fauna stanziale alpina, rappresentata da cervi, da caprioli, da camosci e da circa 200 stambecchi che hanno trovato da alcuni anni un ambiente favorevole in val Zebrù. La fauna minore è rappresentata da numerose colonie di marmotte e di scoiattoli, nonchè di tassi, di ermellini, di volpi e di lepri. Numerosi sono gli uccelli con circa 200 specie segnalate. Frequente la presenza del gallo forcello e della pernice bianca; in val Zebrù e nella valle dei Forni vi sono alcuni esemplari di aquila reale.