Livigno

Livigno in Inverno

Hotels Livigno
- Ristoranti - Prodotti Tipici - Servizi -
Livigno in inverno
"Un'ampia valle altopiano che si perdeva all'orizzonte, due catene di monti che discendevano dolcemente verso il paese composto da una serie ininterrotta di sagome scure di case in legno che spuntavano in fila indiana qua e là dalla neve. Un paesaggio ovattato inondato da raggi di sole splendente in un cielo azzurro e terso, un'aria frizzante ma tonificante, nessuna strada, solo piste per le slitte, un'immensa distesa di neve macchiata qua e là dal verde dei boschi".
Così appariva Livigno negli anni trenta ai turisti tedeschi che per primi la scoprirono apprezzandone già allora le qualità per lo sci, allorché raggiungevano il Passo del Gallo su slitte a cavallo, a quel tempo l'unico mezzo di locomozione dalla vicina Engadina. Turisti che allora sfogavano la loro voglia di neve con tonificanti passeggiate sugli sci lungo la valle, oppure, dopo aver risalito con l'ausilio delle pelli di foca i facili pendii circostanti, li discendevano ad ampie volute di Telemark disegnando ad ogni discesa nuove tracce nella neve immacolata.
Poi nel dopoguerra nuovi mezzi sgombraneve consentirono a Livigno di rompere i lunghi isolamenti invernali. Aumentarono i turisti, furono costruiti altri alberghi ed i primi impianti di risalita.
Oggi Livigno è sicuramente una delle più importanti stazioni montane europee che ha saputo egualmente conservare, nonostante lo sviluppo ricettivo ed impiantistico, quelle caratteristiche ambientali ed architettoniche tipiche della cultura alpina che avevano affascinato i primi turisti tedeschi. Livigno é ancor oggi vera montagna, quella che hai sempre sognato, fatta di immense distese innevate che si perdono nel cielo azzurro e punteggiate da baite in legno al limitar del bosco, vigili testimoni di una cultura alpina che perdura nel tempo.