Lago Maggiore

Isola Bella

Hotels Lago Maggiore
- Ristoranti - Prodotti Tipici -
L'Isola Bella sorge a poco più di 400 m dal lungolago di Stresa. Il suo punto più alto è di soli 28 m. dal livello del Lago. Situata a sud-est dell'Isola dei Pescatori, è sicuramente la più importante delle Isole Borromee per lo splendido palazzo barocco e l'incantevole giardino che ospita. Sull'isola, anticamente abitata da pescatori, Carlo III Borromeo (1586-1652) stabilì di far edificare un intero borgo che volle chiamare con il nome della sua sposa, Isabella d'Adda, da cui l'attuale nome del luogo. I lavori di trasformazione dell'isola e di edificazione del palazzo iniziarono nel 1632 e proseguirono poi con maggior vigore sotto gli auspici del figlio di Carlo III, Vitaliano VI Borromeo (1620-1690). Quest'ultimo decise infatti di costruire anche il giardino e incaricò dell'ultimazione dei lavori del palazzo Angelo Crivelli, cui più tardi si affiancarono alcuni dei migliori architetti dell'epoca.
Il monumentale complesso, realizzato in stile barocco, fu in seguito ulteriormente ampliato nel corso del XVIII e XIX secolo; la facciata settentrionale venne completata solo nel 1959. Il palazzo è una struttura omogenea formata da tre corpi massicci e compatti: quello centrale presenta quattro piani, mentre i due laterali solo tre. Il 14 aprile 1935 presso la residenza si svolse un incontro tra i rappresentanti dei governi italiano, francese e inglese (Mussolini, Lavai e Mac Donald) finalizzato a garantire la pace in Europa mediante un accordo di collaborazione fra i tre Paesi. Nel cortile, a destra del complesso, sorge la cappella dei Borromeo, progettata alla fine del XVIII secolo ma realizzata solo nella prima metà dell'Ottocento: vi sono conservati il monumento funerario della famiglia Birago (scolpito nel 1522 da Agostino Busti detto il Bambaia) e quelli di Giovanni e Camillo Borromeo (opera di Giovanni Antonio Amadeo); i primi due furono trasportati nella cappella dalla soppressa chiesa di S.Francesco Grande in Milano, il terzo dalla chiesa di San Pietro in Gessate.

Il parco del palazzo, esempio tra i più notevoli di giardino barocco all'italiana seicentesco, fu progettato da Angelo Crivelli e Carlo Fontana e realizzato contemporaneamente al palazzo. Disposti asimmetricamente rispetto a quest'ultimo, i giardini sono formati da dieci terrazze sovrapposte a gradinata e decorate con fontane, statue (scolpite per la maggior parte dal Simonetta e dal Resnati), nicchie. La splendida vegetazione che li adorna include rododendri, azalee, una ricchissima collezione di camelie, aranci, cedri, magnolie e numerose specie esotiche: di ogni varietà vengono indicati la provenienza e il nome. In cima all'ultima terrazza sorge il "Teatro", anfiteatro incastonato su un fondale di pietra decorato con i simboli araldici dei Borromeo e, nella parte superiore, con l'allegoria del trionfo della casata raffigurante un liocorno rampante ai cui piedi scorrono il Ticino e la Tosa, due immissari del Lago. Davanti all'anfiteatro si apre uno splendido giardino in piano da cui si gode una magnifica vista sul Lago.
Nel Lago Maggiore ospitalità in hotel, agriturismo, bed&breakfast, camping, casa vacanze, affittacamere, residence, rifugi, villaggi turistici e case per ferie.