Porti

  • Abbordare - Affiancare con una barca un'altra fino a toccarla.
  • Abbrivio - Inerzia dell'imbarcazione a continuare nel suo movimento anche quando è cessata la spinta propulsiva, sia essa a vela che a motore.
  • Alaggio - Operazione con la quale si tira un natante in secca, generalmente per il ricovero invernale.
  • Allascare - Allentare una cima o una scotta; allentare la tensione di una vela. Contrario di cazzare.
  • Altura - Alto mare, fuori dalla vista di terra.
  • Amantiglio - Cavo fissato all'estremità libera del boma che passando per la testa dell'albero, ne sostiene il peso quando la randa non è issata. Una volta alzata la randa, l'amantiglio viene allentato oppure per manovrare lo spinnaker o il gennaker viene sganciato dal boma e fissato al tangone.
  • America's cup - Regata svoltasi il 22 agosto 1851 intorno all'isola di Wight per provare la supremazia delle barche inglesi su quelle americane. Venne messa in palio "The one hundred Guinea Cup" (la "coppa delle cento Ghinee") vinta dalla barca americana "America" (da cui l'odierno nome). Si svolge ogni quattro anni nelle acque del detentore della coppa.
  • Ammainare - Abbassare, scendere o calare (generalmente riferito alle vele).
  • Ancoraggio - Specchio d'acqua utilizzato per ancorarsi.
  • Andana - Ormeggio con il quale la barca si affianca parallelamente ad un altra già ormeggiata alla banchina.
  • Andatura - Direzione di avanzamento della barca rispetto al vento - assume nomi diversi man mano che il vento ruota passando da prua verso poppa (bolina stretta 40-45 gradi apparente; bolina 45-55 gradi; bolina larga 60-80 gradi; traverso 90 gradi; lasco 100-130 gradi; gran lasco 140-170 gradi; poppa pieno o fil di ruota 180 gradi).
  • Angoli - di drizza; angolo superiore di una vela al quale si fissa il cavo (drizza) che permette di issarla - di mura; angolo inferiore-anteriore di una vela che permette di fissarla solidamente alla barca - di scotta; angolo inferiore-posteriore di una vela che permette di fissarla solidamente alla barca.
  • Armare - Attrezzare la barca per quanto riguarda vele e albero.

    Top

  • Babordo - Lato sinistro di una barca o di una nave.
  • Baglio - Trave di legno o di metallo posta trasversalmente all'asse longitudinale della barca, con la funzione di collegare superiormente la struttura della fiancata destra a quella di sinistra e di sorreggere la coperta.
  • Baglio massimo - Larghezza massima della barca.
  • Balumina - bordo di uscita del vento quando questo scorre parallelamente alla superficie del mare.
  • Base- Bordo inferiore della vela, sia essa randa o genoa, detto anche bordame.
  • Beccheggio - Movimento di oscillazione longitudinale della barca (la prua si solleva dall'acqua mentre la poppa affonda e viceversa) .
  • Bolina - Andatura contraria alla direzione del vento (40-45 gradi a destra o sinistra rispetto al vento apparente); si distingue in bolina stretta o bolina larga (v. andatura).
  • Boma - Asta su cui viene inserita la base della randa; è collegato all'albero mediante uno snodo detto trozza, permettendo il movimento in ogni direzione, può essere sostenuto da un amantiglio o da un vang rigido.
  • Bompresso - Asta orizzontale, regolabile in lunghezza, che sporge oltre la prua. Serve per assicurare le vele di prua in posizione più avanzata, aumentando con la superficie velica.
  • Bordo - lato di dritta (destra) e di sinistra della barca. Tratto di mare percorso seguendo la stessa rotta.
  • Bozzello - Termine con cui vengono chiamate le carrucole.
  • Bugna - Angolo inferiore poppiero di una vela e punto di fissaggio per scotte e grilli.
  • Bulbo - Pinna zavorrata fissata nella parte immersa dell'imbarcazione per darle un stabile equilibrio, bilanciando la spinta che il vento esercita sulle vele. Senza di esso la barca a vela si troverebbe a facili scuffie (capovolgimenti).

    Top

  • Caramella - Ddefinizione usata per indicare lo spinnaker quando si attorciglia su se stesso o attorno allo strallo, gonfiandosi e restando strozzato assomigliando, a una caramella.
  • Carena - La parte immersa dello scafo, detta anche operu viva.
  • Caricabasso - Cavo fissato all'estremità libera del tangone che insieme all'amantiglio lo spostano in alto o in basso, per la regolazione dello spinnaker e del gennaker.
  • Catamarano - Imbarcazione a doppio scafo; è formato da due scafi collegati da due traverse e da una coperta che può essere rigida o formata da una tela o una rete (trampolino).
  • Cazzare - Tendere una cima, una scotta; aumentare la tensione di una vela. Contrario di allascare.
  • Chiglia - Parte tra le più importanti negli scafi delle imbarcazioni in legno, composta da una trave longitudinale (dalla ruota di prua al calcagnolo) a costituire la base per l'ossatura della carena; nelle imbarcazioni moderne ha conservato questo nome l'irrigidimento longitudinale a centro scafo, spesso luogo dell'unione dei due semigusci.
  • Challenger - Sfidante. Il vincitore della Louis Vuitton Cup che si guadagna il diritto di affrontare il detentore della Coppa America.
  • Classe - Suddivisione di barche da regata in base alle caratteristiche delle stesse. Ci sono classi nazionali, internazionali e olimpiche.
  • Coffee grinder - Grosso winch (verricello) cioè un demoltiplicatore di forza, ha due pedali che vengono azionati a mano da uno o due marinai. Serve a cazzare le scotte.
  • Crocette - Aste sistemate lungo l'albero perpendicolarmente ad esso. Accrescono l'angolo tra sartia e albero diminuendo la tensione necessaria a mantenere quest'ultimo in posizione.

    Top

  • Defender - Detentore della Coppa America.
  • Declinazione magnetica - Differenza angolare tra il nord geografico (o Nord vero) e il nord magnetico: varia negli anni in funzione della posizione di rilevamento.
  • Deriva - Parte dell'opera viva a forma di lama, fissa o mobile, posta normalmente al centro dello scafo per impedire lo scarroccio. Se è mobile può essere alzata o facendola ruotare su un perno (deriva basculante) o muovendola verticalmente (deriva a baionetta). - Deviazione della rotta di una imbarcazione a causa delle correnti.
  • Disalberare - Rompere l'albero in seguito ad una violenta raffica di vento.
  • Dislocamento - Peso del volume d'acqua spostato dalla parte immersa della barca (principio di Archimede), cioè il peso totale effettivo della stessa.
  • Dritta - Termine con cui in marina si indica la destra.
  • Drizza - Cavo per issare le vele.

    Top

  • Effetto evolutivo - Particolare effetto dovuto alla rotazione dell'elica, a causa del quale la poppa viene sospinta nella stessa direzione in cui questa gira. Questo è evidente durante le manovre in retromarcia.
  • EPIRB - (Emergency Position Indication Radio Beacon) - Dispositivo radio che, a contatto con l'acqua, trasmette automaticamente un segnale di soccorso ai satelliti GMDSS.
  • Eta - (Estimated Time of Arrivai) Orario stimato di arrivo.

    Top

  • Fiocco - Vela di prua a taglio triangolare. Assume nomi diversi a seconda delle dimensioni, della forma, del peso del tessuto e del suo uso specifico.
  • Floater - Spinnaker di tessuto particolarmente leggero, adatto per venti molto deboli.
  • Fronte - Zona di contatto tra due masse d'aria con differenti caratteristiche di temperatura, umidità e pressione. Il fronte caldo è formato da aria calda e umida che si muove sopra aria più fredda e secca. Il fronte freddo è formato da aria fredda che si muove spostando aria più calda; il suo sviluppo è tipicamente verticale. Se entrambe le masse d'aria mostrano un movimento scarso o nullo, la zona di contatto prende il nome di fronte stazionario, mentre se tutta l'aria calda è stata spinta in quota e in superficie è rimasta solo l'aria fredda si è generato un fronte occluso.
  • Fuori tutto - Lunghezza massima della barca.

    Top

  • Genoa - Vela simile al fiocco ma di maggiore superficie. Deve il suo nome alla città di Genova dove fu utilizzato per la prima volta nel 1926 in occasione delle regate internazionali di febbraio.
  • Gennaker - Prende il nome dal genoa e dallo spinnaker essendo una vela di dimensioni e funzioni intermedie. Viene utilizzato con andature al traverso o di bolina larga.
  • GMT - Greenwich Mean Time. Per convenzione internazionale il meridiano passante per Greenwich è quello 0 di riferimento; il termine GMT indica che l'ora è quella del tempo medio presente a Greenwich.
  • G.P.S. - (Global Positioning System). Sistema di rilevamento in tempo reale della esatta posizione sul pianeta, in latitudine, longitudine e altezza tramite una serie di satelliti.

    Top

  • ICAO - International Aviation Organization, alfabeto fonetico internazionale per la comprensione di lettere alfabetiche e cifre in tutte le lingue.
  • Inferire - Collegare un lato della vela allo strallo per il fiocco e il genoa all'albero e al boma per la randa.
  • Intelligenza - Bandiera del Codice Internazionale. Issata isolata, significa "ho capito". Issata a metà corsa significa "ho ricevuto il messaggio ma non l'ho ancora interpretato".
  • Isobare - Linee tracciate sulle carte meteorologiche che congiungono punti caratterizzati da uguale pressione.
  • Issare - Alzare per mezzo di cime (dette drizze) le vele.

    Top

  • Lay line - Rotta ideale da seguire in regata per arrivare alla boa.
  • Lascare - Opposto di cazzare. Diminuire la tensione su una cima. È differente da mollare, che indica il togliere tutta la tensione sulla cima.
  • Latitudine - Distanza angolare in gradi e minuti primi di un luogo dall'Equatore, misurata lungo il meridiano che passa per il luogo stesso.
  • Linea di galleggiamento - Linea di separazione tra la parte di scafo immerso (opera viva) e quello emerso (opera morta). Normalmente viene disegnata alcuni centimetri sopra quella reale per potere facilmente osservare l'assetto longitudinale della barca.
  • Longitudine - Distanza angolare in gradi e minuti primi di un luogo dal meridiano di Greenwich (riferimento internazionale), determinata lungo il parallelo passante per quel punto.

    Top

  • Match-race - competizione velica in cui si affrontano due sole barche.
  • May Day - chiamata radio di richiesta di soccorso, normalmente sul canale 16 VHF; deriva dal francese "m'aider", aiutatemi.
  • Miglio - Il miglio marino equivale a km 1,852. In genere, in mare la velocità è espressa in nodi. Un nodo = un miglio.
  • Mure - Fianco della barca colpito dal vento. La barca con mure a dritta (destra) ha la precedenza su una barca con mure a sinistra.

    Top

  • Nadir - Punto immaginario posto sulla verticale passante per l'osservatore, direttamente sotto i suoi piedi. Opposto è lo zenit.
  • Nodo - v. miglio.

    Top

  • Opera morta - La parte visibile non immersa dell'imbarcazione. Scafo, coperta, sovrastrutture, che si trovano al di sopra della linea di galleggiamento.
  • Opera viva - La parte immersa dell'imbarcazione.
  • Orzare - Timonare la barca portando la prua contro vento cioè stringere il vento. L'opposto è puggiare.

    Top

  • Paterazzo - Cavo di collegamento tra la testa d'albero e la poppa. Insieme allo strallo e le sartie tiene l'albero in piedi.
  • Pavese - Addobbo dello yacht costituito da una serie di bandierine annodate ad un cavo passante tra gli stralli e l'albero.
  • Penna - Parte alta della vela dove si incoccia la drizza.
  • Pescaggio - Distanza presa sulla perpendicolare alla superficie del mare tra la linea di galleggiamento e la parte più profonda dello scafo.
  • Piede - Misura inglese usata per indicare la lunghezza dello scafo. Un piede = 0,3048 m.
  • Poppa - Parte posteriore dell'imbarcazione.
  • Prua (prora) - Parte anteriore dell'imbarcazione.
  • Puggiare - Allontanare la prua dalla direzione del vento. Opposto di orzare.
  • Punto nave - Punto geografico dato dalla latitudine e longitudine, corrispondente alla posizione della barca sulla superficie terrestre nel momento considerato.

    Top

  • Quadranti - I quattro settori in cui è idealmente divisa la rosa della bussola: 0-90 gradi primo, 90-180 secondo, 180- 270 terzo e 270-360 gradi quarto quadrante.

    Top

  • Randa - Vela triangolare principale tra il boma e l'albero. Sostenuta mediante inferitura o canestrelli inferiti nell'apposita canaletta, mentre la base presenta il gratile inferito nella parte superiore del boma.
  • Rollio - Movimento oscillatorio della barca in senso trasversale (oscilla continuamente a destra e a sinistra).
  • Rifiuti - Turbolenze create dalle vele.

    Top

  • Sartie - Cavo di acciaio che sostiene e impedisci flessioni laterali dell'albero; il loro numero varia a seconda del numero di crocette, queste ultime utilizzate per accrescere l'angolo sartia albero, diminuendo così lo forzo di compressione.
  • Scotta - Cavo tessile utilizzato per regolare la vela partendo dal suo angolo posteriore basso (punto di scotta); la trazione sulle scotte viene di solito esercitata parallelamente al piano di coperta.
  • Sestante - Strumento per misurare l'angolo tra gli astri visibili e l'orizzonte, preso come riferimento; attraverso apposite tabelle (le effemeridi) che descrivono la posizione di stelle e pianeti ad ogni momento di ogni giorno dell'anno, è possibile determinare il punto della superficie terrestre in cui viene fatto l'avvistamento, ovvero il punto nave astronomico.
  • Sopravvento - Lato della barca colpito dal vento. Essere sopravvento, rispetto ad un'altra barca in una andatura di bolina significa avere un vantaggio in quanto la barca B che è sottovento difficilmente potrà superare A perchè B si troverà senza vento dietro le vele di A.
  • SOS - Save Our Souls (salvate le nostre anime) - Tre lettere che rappresentano la chiamata radiotelegrafica di richiesta di soccorso; formate da tre punti, tre linee e tre punti, sono assai facili da riconoscere.
  • Sottovento - Contrario di sopravvento.
  • Spinnaker - Spesso abbreviato SPI. Ha un taglio simmetrico che ricorda un triangolo isoscele dai lati curvi verso l'esterno (le spalle dello spi); può avere un'area grande oltre il doppio del genoa ed è murata fuori bordo mediante l'uso del tangone.
  • Spinta di Archimede - Forza dal basso verso l'alto che si manifesta su ogni corpo immerso in un liquido, di intensità pari al peso del liquido spostato. La barca galleggia in quanto pesa meno dell'acqua che sposta.
  • Stallo - Turbolenza con perdita pressochè totale di portanza.
  • Stazza - Volume interno degli spazi chiusi delle navi. Rappresenta un volume e non un peso, anche se viene calcolata in tonnellate (1 tonnellata di stazza è uguale a 2,83 mq).
  • Strallo - Cavo in acciaio teso tra la testa d'albero e la prua di sostegno per l'albero e luogo di inferitura dei fiocchi.
  • Strambare - Manovra fatta con il vento in poppa, consiste nel far passare il boma e quindi anche la randa dal lato sinistro a quello destro e viceversa.
  • Straorzare - Perdere il controllo della barca - che si porta eccessivamente controvento (orzare) - a causa di una improvvisa raffica di vento, di un'onda o di un errore. È pericoloso in quanto la barca a volte addirittura "sdraiata" con le crocette in acqua e la pinna fuori (scuffiare).

    Top

  • Tangone - Asta che viene fissata da una parte all'albero per mezzo di una campana e dall'altra allo spinnaker. Tramite due cavi detti caricabasso e amantiglio vengono attuate le varie correzioni. Il tangone è normalmente lungo quanto la distanza tra l'albero e il punto di mura del genoa.
  • Terzolare - Diminuire la superficie della vela esposta al vento ammainandone solo una frazione (mano dei terzaroli) e serrandola con i matafioni.
  • Testa dell'albero - Parte terminale superiore dell'albero dove ci sono gli attacchi delle sartie, degli stralli, le carrucole per le drizze, i sensori della strumentazione del vento e l'antenna della radio.
  • Tormentina - Piccola vela triangolare di prua (fiocco), di tessuto particolarmente robusto tale da potere essere tenuta issata anche in condizioni di vento forte o burrasca.

    Top

  • Venturi - Giovan Battista, fisico (1746-1822), scoprì che il restringimento della sezione di un tubo in cui stia scorrendo un fluido provoca un aumento della velocità di scorrimento e una diminuzione di pressione esercitata dal fluido sulle pareti, l'effetto Venturi viene sfruttato nella vela creando una fessura tra randa e genoa, con aumento della velocità di scorrimento dell'aria e quindi di trazione della randa nella sua zona di sottovento.
  • Virare - Cambiare le mure al vento passando per il controvento.

    Top

  • Zenit - Punto teorico posto lungo la verticale passante per l'osservatore, in direzione del cielo. Opposto è il nadir.