Salina

Hotels Salina
- Ristoranti - Prodotti Tipici - Servizi -
Inoltre Salina, per la sua centralitÓ costituisce, durante la stagione estiva, centro di escursioni verso le altre isole dell'arcipelago. Nel suo insieme l'isola Ŕ molto pittoresca e riesce agevole ammirare le sue bellezze panoramiche per l'efficiente rete di strade, che mettono in comunicazione le varie localitÓ di particolare interesse sono le rotabili costiere che collegano Santa Marina Salina, il maggiore centro dell'isola con Lingua (a sud) e Malfa (a nord-ovest). Non meno interessante, sotto il profilo panoramico, Ŕ la rotabile che attraversa il Vallonazzo, l'incantevole Valdichiesa (sella a 285 m s.l.m.), ricca di vigneti, e la Valle dei Giovi. Tale strada collega l'approdo di Rinella con Leni e, successivamente, con Malfa. Lungo la rotabile sorge, in posizione dominante, il noto Santuario della Madonna del Terzito, che risale al lontano 1630 e che, da allora, costituisce meta di frequenti pellegrinaggi. Il mare circostante l'isola Ŕ ricco di fauna ittica. La pesca di "cicirella", sauri, acciughe, sardine, pesantoni, occhiate e ape Ŕ abbondante. La pesca del pesce spada viene praticata con ottimi risultati. Il notevole patrimonio naturale delle montagne Fossa delle Felci e dei Porri Ŕ protetto dalla riserva naturale orientata, istituita per consentire lo sviluppo armonico di specie vegetali e animali.
Anche l'isola di Salina ha avuto notevole importanza nell'etÓ del bronzo. Sono stati identificati due insediamenti di quella etÓ sulla costa orientale. Il primo sulla Serra dei Cianfi fiorito nell'etÓ di Capo Graziano (fra il XVIII e il XV sec. a.C.) e agli inizi della successiva etÓ del Milazzese (dopo 1400 a.C.).
Il secondo in posizione molto pi¨ disagevole ma pi¨ atto alla difesa della Portella, sulla strada Santa Marina -Malfa. Quest'ultimo, fiorito nell'etÓ del Milazzese, Ŕ stato violentemente distrutto forse intorno al 1270 a.C. (materiale degli scavi al Museo Eoliano di Lipari). Tracce di un insediamento del Vl-V sec. a.C. si osservano al Serro dell'Acqua. Un abitato greco dal IV sec. a.C. in poi e durato fino all'etÓ imperiale romana era nel sito dell'attuale cittadina di Santa Marina. Si vedono tracce di case lungo la spiaggia. A monte della cittÓ sono state trovale numerose tombe di questa etÓ. Tracce sporadiche di etÓ greca e romana sono state osservate in numerosi punti dell'isola.