Siracusa

Hotels Siracusa
- Ristoranti - Prodotti Tipici - Servizi -


Siracusa e le necropoli rupestri di Pantalica
Patrimonio dell'Umanità UNESCO



Nonostante i numerosi reperti rinvenuti a Ortigia nel XVI secolo, la vera fondazione di Siracusa si deve ai Corinzi nel 734 a.C . Fu un periodo si rivolte, soprattutto da parte dei Cilliri (servi indigeni) nei confronti dei signori che a loro volta chiesero aiuto a Gelone, tiranno di Gela, per dar fine alla guerra.
Nel 485 a.C. il tiranno si impossessò di Siracusa diventandone il signore e fondò la pentapoli, con i suoi cinque quartieri: Ortigia, Neapolis, Acradina, Epipoli e Tyche. Dopo diverse successioni al comando della città, nel 427 vi fu una guerra: Siracusa affrontò Lentini e le altre città ioniche siciliane che avevano preso parte al conflitto, ma nonostante l'aiuto di Atene, Lentini venne sconfitta. Successivamente Atene intraprese una seconda guerra che fu più distruttiva della precedente; Siracusa dopo due anni fu ottimamente sostenuta da Sparta e Corinto e inflisse un'altra sconfitta ad Atene.
Fu allora che i Cartaginesi cercarono di approfittare di questa situazione per riprendere le loro conquiste in Sicilia, sotto il comando di Annibale distrussero Agrigento, mentre Dionigi, tiranno di Siracusa stipulò la pace con Cartagine per guadagnare tempo e far costruire poderose mura a difesa della città. Siracusa ottenne la sua massima estensione territoriale proprio con Dionigi. Dopo la sua morte salì al trono il figlio che perse il trono a favore di Timoleonte; con quest'ultimo Siracusa visse un ottimo periodo. A lui successe Agatocle, uomo senza scrupoli e violento, che morì nel 289 a.C.; alla sua morte Siracusa chiese aiuto a Pirro (278) per contrastare la minaccia di Cartagine. In questo periodo Ierone II si impadronì del potere e, cacciati i Mamertini da Siracusa, concordò la pace con i Romani. Siracusa godette così di un periodo di pace lungo 50 anni. Nel 212 a.C. i Romani guidati dal console Marcello espugnarono la città che restò, comunque, la capitale dell'isola fino al 476 d. C. Fu saccheggiata dai Franchi nel 278, dai Goti nel 493.
Liberata dai Bizantini nel 535, sembrò dovesse risorgere ancora; dal 663 al 668 divenne capitale dell'Impero Romano d'Oriente. Ma tutto ciò durò poco. Infatti fu distrutta ancora una volta dagli Arabi nel 878.Furono i Normanni nell'XI secolo a riscoprire la città e Federico II di Svevia nel XIII° secolo la fortificò con la costruzione del Castello Maniace in Ortigia. Nel 1693 un violento terremoto la distrusse. Fu ricostruita con edifici di gusto Barocco.

Ortigia - È collegata alla terraferma da due ponti: il vecchio Ponte Umbertino, ed il cosiddetto "ponte nuovo", costruito nelle vicinanze del Palazzo delle Poste. Ortigia, ha una storia millenaria. Ovunque si possono cogliere le testimonianze del suo passato. Ortigia, come pochissimi altri centri storici nel mondo, mostra, tutte le epoche che ha attraversato, dalla fondazione ai giorni nostri. I Greci, Romani, Bizantini, Arabi, Normanni, Svevi, Aragonesi, Catalani, Vicerè, Savoia hanno impresso sull'isoletta orme inconfondibili.

Frazione: Fontane Bianche - È ubicata a 15 chilometri da Siracusa. Il suo nome è dovuto alle numerose fontane naturali di acqua dolce che vi sono nella zona. Le ampie spiagge e il mare cristallino ne fanno il luogo perfetto per trascorrere momenti di relax e divertimento.


Siracusa ospitalità in Hotel Albergo Agriturismo Bed&Breakfast Camping Casa Vacanze Affittacamere Residence Villaggi Turistici Locanda.

Siracusa vacanze in Hotel