Isola di Pianosa

Hotels Isola di Pianosa
- Ristoranti - Prodotti Tipici - Servizi -
Nel medioevo appartenne a Pisa, a Genova e poi ad una famiglia di Piombino, gli Appiano, che la ripopolarono. Nel 1856 fu adibita a colonia penale e solo da pochi anni è stata liberata con la chiusura delle strutture penitenziarie. Pianosa accoglierà così una comunità di monaci e laici che le regaleranno una nuova faccia, convertendola all'agricoltura biologica e all'ecoturismo. Il borgo di Pianosa oggi è deserto e vi regna un silenzio irreale. Le stradine, i vicoli e le case in stile moresco sono avvolte da un'atmosfera fantastica. Solo nella zona civile dell'isola ci sono poche guardie che controllano le carceri ormai chiuse. La splendida Pianosa non è ancora in grado di accogliere ombrelloni e imbarcazioni, ma è possibile visitarla con escursioni programmate di una giornata. La caletta più ampia dell'isola è il "Porto Romano", antico punto di attracco. Qui i fondali sono incredibili e le preziose praterie di posidonia la rendono una riserva naturale intatta. Per il momento le immersioni sono vietate, è possibile però scrutare i fondali con maschera e boccaglio solo a Cala Giovanna.

Nell'Isola d'Elba e Arcipelago ospitalità in hotel, agriturismo, bed&breakfast, camping, casa vacanze, affittacamere, residence, villaggi turistici e case per ferie.