Valdarno

Hotels Valdarno
- Ristoranti - Prodotti Tipici - Servizi -
Per la sua opulenza il Valdarno fu oggetto e teatro di sanguinose contese fra le due città che, sul finire del medioevo, aspiravano al predominio in Toscana: la guelfa Firenze e la ghibellina Arezzo.
Alla fine del Sec. XIII, per contrastare la pressione militare che erano costretti a subire da parte dei bellicosi vescovi aretini, che disponevano in Valdarno di poderosi e munitissimi castelli come Cennina, Castiglione degli Ubertini e Laterina, i Fiorentini vi costruirono tre "terre murate", cioe' tre villaggi fortificati:
S. Giovanni, Terranuova e Castelfranco.
Dopo la morte del vescovo Guido Tarlati, avvenuta nel 1327, la Repubblica Aretina subì un declino lento ma inesorabile, finchè nel 1384 cessò di esistere ed il suo territorio fu annesso alla Repubblica Fiorentina.
Cessate così le contese, i confini giurisdizionali del dipartimento aretino vennero fissati in Valdarno secondo una linea che includeva anche le tre città murate costruite dai fiorentini un secolo prima.
Ma non fu solo campo di scontri. Feconda di frutti della ,terra, fu feconda anche d'ingegni, che qui ebbero i natali uomini che' impressero il loro segno nella storia e fecero ricca di pensiero e d'arte la patria, come il pittore Masaccio, l'umanista Poggio Bracciolini, lo scultore Francesco Mochi.
Oggi il processo di industrializzazione ha investito il Valdarno Superiore in maniera piuttosto consistente, ma concentrandosi in aree e zone ben delimitate, cosicchè ben poco è andato perduto del fascino paesistico e del patrimonio artistico del territorio.
Tre strade da Arezzo conducono al Valdarno percorrendolo in tutta la lunghezza e raggiungendo Firenze: l'Autostrada del Sole, la S.S. 69 che segue l'andamento dell'Arno, e la strada dei Sette Ponti, tracciata già in epoca etrusca, che si snoda sulle pendici del Pratomagno dominando la valle dalla presumibile linea di battaglia del lago scomparso.
Pur conservando una tradizione agricola rivolta alla produzione di vini ed oli d'oliva di gran pregio, il Valdarno è da considerarsi l'area di maggiore e più antica industrializzazione dell'aretino.
Il declino della tipica lavorazione del feltro e dei cappelli, verificatosi negli ultimi decenni, è stato compensato dallo sviluppo di altre attività: siderurgia e lavorazione del vetro in particolare.
I più attuali metodi di utilizzazione del bacino lignifero locale hanno inoltre determinato la conversione delle attività estrattive in quella di produzione energetica.


Nel Valdarno ospitalità in hotel, agriturismo, bed&breakfast, camping, casa vacanze, affittacamere, residence, villaggi turistici e case per ferie.