Val di Fassa

Passi

Hotels Val di Fassa
- Ristoranti - Prodotti Tipici -
Passo Carezza/Costalunga (m 1745) - Il nome originario é Carezza che deriva dal termine dialettale tedesco "Kar", ovvero scodella, ad indicare una concavità tra i monti. Dista circa 8 km da Vigo di Fassa. Si sviluppa su un'ampia sella prativa, incastonata tra le pendici del gruppo del Latemar e le estremità del Catinaccio. Indimenticabile l'emozione dell'Enrosadira ovvero il fenomeno di rifrazione della luce solare al tramonto, quando il Catinaccio si tinge di rosa. Proprio per dare spiegazione a questo incredibile spettacolo naturale prese spunto la leggenda di Re Laurino e il suo fantastico giardino delle rose che si ritrova nella toponomastica tedesca come "Rosengarten".
Passo S. Pellegrino (m 1918) - Dista circa 11 km da Moena e segna il confine territoriale tra il Trentino e la provincia di Belluno. In estate vi si percorrono i numerosi sentieri che arricchiscono sia il versante della Costabella e del Gruppo dei Monzoni che verso l'area del Col Margherita e di Cima Bocche. D'inverno è una delle aree sciistiche più affollate, direttamente collegati al carosello delle Trevalli.
Passo Fedaia (m 2054) - Si raggiunge dopo aver superato l'abitato di Penia ultima frazione del comune di Canazei e Pian Trevisan, verdeggiante radura al cospetto del Vernel. Il nome Fedaia deriva dal latino "feda" ossia pecora. Questo è un vero paradiso per gli appassionati dello sci fuori pista e per le salite con le pelli di foca, mentre in estate è meta obbligatoria per escursionisti appassionati di percorsi e tracce lungo la linea di fuoco italo-austriaca.
Passo Sella (m 2244) - Mette in comunicazione la Val di Fassa con la Val Gardena lungo la strada statale 242, che in 12 km porta da Canazei al passo. E' dominato dalle splendide Torri del Sella e dalla barriera delle Mesules, ma ciò che di fatto caratterizza il panorama del Sella è il gruppo del Sassolungo con i suoi 3181 m.
Passo Pordoi (m 2239) - Percorrendo da Canazei la tortuosa quanto panoramica Strada delle Dolomiti, caratterizzata da ben 28 tornanti, si raggiunge il Passo Pordoi che delimita il confine tra la provincia di Trento e quella di Belluno. Dal passo, si ha rapido accesso al Gruppo del Boé per mezzo della funivia, che in pochi minuti raggiunge i 2950 m del Sass Pordoi, incredibile terrazza naturale dalla quale lo sguardo può spaziare a 360° su tutto l'arco alpino.
In Val di Fassa ospitalità in hotel, agriturismo, bed&breakfast, camping, casa vacanze, affittacamere, residence, rifugi, villaggi turistici e case per ferie.
Archivio A.P.T della Val di Fassa ©