Umbria

La storia e le sue vestigia

Hotels Umbria
- Ristoranti - Prodotti Tipici -
L’alleanza viene sigillata con la creazione di grandi opere pubbliche, come la Via Flaminia (220), che collegava Roma con Ariminum e l’alto Adriatico e con la concessione agli Umbri, nel 90 a.C., dello stato di cives romani. Numerose sono ovunque le testimonianze di epoca romana: a Perugia, Assisi, Foligno, Gubbio, Todi, Spoleto, Narni, Terni ma anche in centri minori con Bevagna, Spello, Collemancio (Hurvinum Hortense), Carsulae, nella zona di Sangemini. Si trovano anche diffuse su tutto il territorio numerose ville romane, tra cui quella di Plinio il Giovane, vicino a Città di Castello. Il cristianesimo trovò terreno fertile in Umbria, nel VI secolo d.C.: già, infatti, mentre la regione, come tutto il resto della penisola, era percorsa e devastata da orde barbariche, erano state create 21 diocesi. Erano un punto di riferimento per le popolazioni locali, decimate dalle guerre e dalle invasioni: furono il punto di partenza per la costruzione dei primi edifici di culto, come la chiesa di Sant’Angelo edificata a Perugia tra il V e il VI secolo, l’abbazia di San Pietro in Valle presso Ferentillo, costruita nell’VIII secolo, la piccola basilica di Sant’Eufemia a Spoleto del X-XII secolo.
Questi anni di storia sono confusi e complessi. Barbari e Bizantini si contendono il possesso della penisola con sorti alterne, l’Umbria viene devastata da sanguinosi scontri, scoppiano pestilenze, l’economia della regione si impoverisce. Emergono, nel vuoto del potere civile, figure di vescovi, che prendono nelle loro mani le responsabilità del governo delle città e vengono riconosciuti capi naturali, religiosi e civili dalla popolazione.