Ca' Pisani Molfetta un tipico palazzetto nobiliare veneziano del tardo Trecento, modificato alla fine del XVI secolo, epoca a cui risale la facciata con poggiolo al piano nobile. L'attuale ristrutturazione, operata dall'Arch. Roberto L. Canovaro, ha recuperato le quote originali e gli elementi caratteristici del vecchio edificio, trasformandolo in un albergo e reinterpretando all'interno il gusto art dec in chiave contemporanea.
Nel complesso, lo stile si ispira alle correnti d'avanguardia fiorite tra le due guerre. La lobby richiama le forme essenziali del futurismo, con una prevalenza di marmo e legno di noce. Le pareti delle stanze sono geometricamente scandite da campiture che ricordano la grafia dei quadri di Mondrian, in tonalit morbide come giallo senape, terracotta, aragosta chiaro, beige e grigio.
Risaltano nel progetto delle camere gli elementi nei colori argento e amaranto, poltrone di pelle, armadi, mobili disegnati espressamente e letti anni 30 e 40, pezzi originali tutti diversi tra di loro, pazientemente collezionati in giro per l'Italia.