Vicenza

Hotels Vicenza
- Ristoranti - Prodotti Tipici - Servizi - Tempo Libero -


La città di Vicenza e le ville del Palladio in Veneto
Patrimonio dell'Umanità UNESCO


Le origini di Vicenza affondano in epoche lontane e remote. La sua fondazione risale all'età preistorica (XI-VII secolo a.C.) con l'insediamento degli Euganei. Non si conosce niente sulla provenienza di questo popolo che fu poi sopraffatto dai Veneti, immigrati dall'Illiria. I Veneti furono i primi a stringere alleanza con i Romani e nel 49 a.C. Vicenza ottenne la cittadinanza romana. Questo fu un periodo di grande splendore per la città, che si arricchì di numerose opere architettoniche di cui ancora oggi permangono importanti testimonianze archeologiche: il fastoso teatro di Bergia, l'acquedotto di Lobia, i mosaici, il cripto-portico del Duomo ed altri resti archeologici.
Nel medioevo Vicenza subì saccheggi e distruzioni a causa delle invasioni barbariche e, dopo un periodo abbastanza florido con i Goti, divenne sede di un Ducato longobardo (568-774). Dopo la disgregazione dell'impero carolingio passò sotto gli Ottoni di Sassonia che la concessero in feudo ai vescovi-conti. Divenuta in seguito Comune si alleò con le città di Verona, Treviso e Padova, formando prima la lega veronese e poi quella lombarda (1167). Nel 1311 fu conquistata da Cangrande della Scala, rimanendo sotto il dominio Scaligero fino al 1387. Nel 1404, dopo un breve periodo Visconteo, Vicenza accettò di entrare nella Serenissima Repubblica di San Marco e vi rimase sino a quando il generale Bonaparte concluse la storia millenaria dello Stato veneto (1797). Durante i secoli "veneziani", Vicenza si trasformò e si arricchì di opere architettoniche, con artisti del calibro di Andrea Palladio e Giangiorgio Trissino, divenendo così uno dei maggiori centri artistici d'Italia. Decaduto il dominio veneziano e proclamata la municipalità provvisoria, Vicenza, che dopo la caduta di Napoleone (1814) era passata agli Austriaci, entrò a far parte del Regno Lombardo-Veneto.
La città prese parte attiva al Risorgimento, opponendosi alle repressioni austriache. Solamente il 18 Novembre 1866 Vicenza si riuniva nel Regno d'Italia. Nel 1994, Vicenza Città del Palladio è stata inserita nella Lista del Patrimonio Mondiale dell'Unesco in quanto i beni architettonici palladiani sono considerati d'interesse eccezionale e di valore universale ed hanno esercitato una grande influenza sulla cultura mondiale. Andrea Palladio fu senza ombra di dubbio uno dei maggiori architetti italiani del '500. Passeggiando per la città si possono ammirare i palazzi pubblici, la Basilica Palladiana e la Loggia del Capitaniato, o le dimore aristocratiche dei Porto, dei Barbaran, dei Thiene. Le tappe fondamentali per la scoperta del Maestro sono rappresentate dalla Villa Capra Valmarana detta "La Rotonda" e dal Teatro Olimpico, suo ultimo lavoro.


Vicenza ospitalità in Hotel Albergo Agriturismo Bed&Breakfast Camping Casa Vacanze Affittacamere Residence Villaggi Turistici Locanda.

Vicenza vacanze in Hotel

Marostica
Hotels Marostica
B&B Locanda Valbella
Bed and Breakfast - Affittacamere Marostica
B&B Locanda Valbella
Ristoranti Marostica
B&B Locanda Valbella
Montecchio Maggiore
Hotels Montecchio Maggiore
Castagna Hotel
Ristoranti Montecchio Maggiore
Castagna Hotel




  B&B La Casa di Lidia
  La Bacheria
  Hotel Mary
  Ristorante Pizzeria Pan Di Zucchero